Poker online

GIOCO LEGALE



Bollettino Gioco legale

Amaya: un accordo da 6 milioni di euro con il Fisco Italiano per Pokerstars.it

15/01/2016

Dopo settimane di estenuanti trattative l’Amaya, gruppo leader nel settore del gaming online e proprietaria, tra le altre, di Pokerstars, ha annunciato di aver raggiunto un accordo con il Fisco Italiano su dei pagamenti pendenti.

La vicenda risale a Marzo 2015, quando la Guardia di Finanza aveva contestato alla società di gaming online delle mancate dichiarazioni di profitti nel periodo che va dal 2009 al 2014, presentando un conto all’Amaya di oltre 300 milioni di euro da versare nelle casse dello Stato Italiano.

La società proprietaria di Pokerstars, pur dimostrandosi sin da subito disponibile al confronto con le istituzioni italiane, aveva sempre rispedito al mittente le accuse, ricordando gli accordi presi tra gli stati europei in materia di doppia tassazione.

Il buon senso ha spinto Amaya, come già accennato, a cercare un punto di incontro con il Fisco Italiano, che a sua volta aveva tutto l’interesse a non aderire alle vie legali per pretendere la riscossione dei tributi. Dopo serrati confronti le richieste del Fisco erano scese a 85 milioni, ma ulteriori incontri hanno poi finalmente portato all’annuncio di pochi giorni fa, dove l’Amaya annunciava di aver provveduto al versamento di 5,9 milioni di euro a titolo di rimborso delle pendenze fiscali del periodo contestato, aggiungendo che nella cifra sono comprese anche tutte le tasse supplementari del 2014.

Aver portato la cifra da versare dagli iniziali 300 milioni ai 6 attuali è stata sicuramente una vittoria per Pokerstars (anche se i mercati azionari stanno rispondendo in maniera negativa a questo esborso), ma anche il Fisco Italiano può dirsi soddisfatto in questa vicenda, visto che le intricate normative fiscali tra i paesi dell’Unione Europea avrebbero potuto lasciare l’Erario con un pugno di mosche. Del resto, la storia recente ci mostra numerosi esempi di pendenze fiscali chiuse al ribasso: recentemente Apple ha versato al Fisco italiano 318 milioni di euro a fronte del miliardo chiesto inizialmente, e Valentino Rossi ha pagato solo 20 milioni per i guadagni dichiarati in Inghilterra, a fronte dei 115 dovuti in principio.

 
>> Tutte le notizie generali del poker legale in Italia
 

Notizie del poker online legale in Italia

21/01/2019 PokerStars presenta "Spin & Go Grand Slam" con €10.000 in premi
PokerStars con la nuova promozione "Spin & Go Grand Slam" consente ai propri utenti di provare a vincere una parte dei 10.000 in premi messi in palio per tutto il periodo di riferimento. Ricordiamo che lo Spin & Go è t... Prosegui

PokerStars
14/01/2019 FreeRoll Fest di Bwin: in palio €3.500
Bwin Poker ha lanciato la nuova iniziativa "FreeRoll Fest" che mette in palio 3.500 di montepremi. Prendere parte al gioco ai tavoli del poker non è stato mai così interessante, visto che ogni giorno è possibile partec... Prosegui

Bwin Poker
04/01/2019 Twister Sit & Go di Bet365 Poker: € 10.000
Su Bet365 Poker i giocatori hanno la possibilità di contendersi un montepremi di sicuro valore che può superare un importo di 1.000 volte superiore a quello del buy-in versato. Inoltre chiunque può provare i Twister Sit ... Prosegui

bet365
04/01/2019 Su PockerStars live Casinò €3.000 in bonus ogni fine settimana!
Il live Casinò di PokerStars presenta la nuova promo "Game of the Weekend" mette in palio 3.000 in bonus ogni fine settimana. Per provare a portare a casa una quota di questo ambitissimo montepremi, lo scommettitore no... Prosegui

PokerStars
27/12/2018 Rompi il ghiaccio di 888Poker: €80.000 in palio!
888Poker con la nuova offerta promozionale "Rompi il Ghiaccio" consente ai propri giocatori di portare a casa tanti premi imperdibili: ticket, bonus e tanto altro ancora. Per partecipare a questa iniziativa, basta acce... Prosegui

888poker
>> Tutte le notizie di poker online legali in Italia
 

  Inizio > Poker online > Notizie del poker legale in Italia > Amaya: un accordo da 6 milioni di euro con il Fisco Italiano per Pokerstars.it